new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Patrimonio umano | by Vicedriade
Back to photostream

Patrimonio umano

L' arte della costruzione di muretti a secco è stata iscritta recentemente nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell'Umanità.

Si tratta di un particolare tipo di muro costruito con blocchi di pietra opportunamente disposti e assemblati, senza uso di leganti o malte di alcun genere. Queste costruzioni sono uno dei primi esempi di manifatti umani sia per fini abitativi che per scopi collegati all'agricoltura, in particolare per i terrazzamenti necessari alle coltivazioni in zone particolarmente scoscese. «Le strutture a secco sono sempre in perfetta armonia con l'ambiente e la tecnica esemplifica una relazione armoniosa fra l'uomo e la natura. I muri a secco, sottolinea l'organizzazione, «svolgono un ruolo vitale nella prevenzione delle slavine, delle alluvioni, delle valanghe, nel combattere l'erosione e la desertificazione delle terre, migliorando la biodiversità e creando le migliori condizioni microclimatiche per l'agricoltura».

In Trentino esiste una apposita scuola professionale che insegna questa specifica arte.

 

Quando è inverno l'assenza di vegetazione rende ben visibile il fianco della valle (meglio ancora dopo una leggera nevicata) ecco che appaiono alla vista gli antichi manufatti dei nostri antenati che si son spaccati la schiena per rubare all'asperità del territorio qualche spazio dove coltivare ciò di cui necessitavano per vivere.

I nonni mi raccontavano di lunghe giornate trascorse in questi lavori agricoli: carichi come muli a camminare su e giù lungo i terrazzamenti; prima per coltivare e poi per trasportare i prodotti. Ma a volte serviva anche nuova terra oppure letame per rinnovare i campi; veniva usato un apposito contenitore da trasportare sulle spalle (il nonno lo chiamava "cràisera") e poi via, scendere e risalire per innumerevoli volte lungo le ripidissime scalinate .

I bene informati mi dicono che qui in questa zona i muretti in serie arrivano ad essere ben 93 , disposti lungo il fianco della vallata, dai più alti che sfiorano il bosco agli ultimi in fondo vicini al torrente.

1,166 views
27 faves
18 comments
Taken on January 31, 2019